Contabilizzazione del calore

La tecnologia di termoregolazione si rivolge in particolare a tutti coloro le cui abitazioni/uffici/negozi abbiano un riscaldamento centralizzato. Ad esempio, la contabilizzazione permette di gestire in modo autonomo il riscaldamento del proprio appartamento, senza che ciascuno abbia dentro casa una caldaia: questa rimane sempre unica per tutto il condominio, ma ogni proprietario/occupante ha la possibilità, attraverso particolari dispositivi (valvole termostatiche,sensori di temperatura), di spegnere, ridurre o aumentare la temperatura a propria discrezione.

Grazie ai sistemi di contabilizzazione siamo in grado di calcolare il consumo effettivo di combustibile di ciascuna unità immobiliare, favorendo una più equa ripartizione dei costi e un maggior risparmio energetico.

COME AVVIENE LA CONTABILIZZAZIONE

Per eseguire la termoregolazione del calore è necessario installare su tutti i corpi radianti (come i termosifoni) una valvola termostatica che permette la regolazione della temperatura ambiente. La valvola termostatica strozza il flusso di calore qualora l’ambiente abbia raggiunto la temperatura programmata. Nel complesso del condominio questo meccanismo diminuisce la quantità di acqua in circolazione nell’ impianto, diminuendo l’attività della caldaia e di conseguenza si ottiene il risparmio energetico.

Forse può interessarti l’articolo -> Come funziona una valvola termostatica?

Per poter eseguire la contabilizzazione del calore è necessario installare su tutti i corpi radianti un ripartitore o contatore di calore elettronico che consente di rilevare il consumo di ogni termosifone. L’installazione è molto semplice e l’intervento, pur necessitando di tecnici specializzati, è veloce e non necessita di lavori di muratura o cablaggi. I ripartitori hanno al loro interno una radio trasmittente che ne permette la lettura dall’ esterno dell’unità immobiliare.

Per approfondire il principio di funzionamento di un ripartitore di calore Clicca qui

Per regolare le variazioni di pressione dovute all’ apertura e alla chiusura delle valvole termostatiche ed evitare conseguenti sibili e rumori che si manifestano in alcuni casi, è obbligatoria l’installazione in centrale termica di una pompa a pressione variabile. In alternativa, per gli impianti più piccoli, è sufficiente l’installazione di una valvola di sovrappressione.

Al termine della stagione le spese condominiali di riscaldamento sono ripartite tra le unità immobiliari in proporzione alle letture dei contatori di calore. Una piccola percentuale della spesa, continua ad essere suddivisa secondo i criteri millesimali, il restante viene calcolato in funzione dei rilevamenti effettuati dal contatore di calore dell’impianto di contabilizzazione. Il progetto per la ripartizione deve essere redatto da parte di un professionista, approvata in sede di assemblea condominiale e consegnata in comune come previsto dalla norma UNI 10200

I dati vengono trasferiti mediante tecnologia wireless dai ripartitori ai dispositivi concentratori posizionati nell’edificio. I dispositivi concentratori trasferiscono a loro volta i dati raccolti al gateway GSM/GPRS di controllo centrale installato nell’ edificio e collegato alla rete cellulare.

Attraverso l’ area riservata che Contabilizzazione Bologna mette a tua disposizione puoi monitorare i consumi della tua unità immobiliare e del tuo condominio. Toccando con mano il risparmio energetico dovuto alla possibilità di regolare la temperatura nei locali del tuo appartamento. Il trasferimento avviene in automatico, senza la necessità dell’ intervento di un tecnico!

CONTATTACI per un preventivo GRATUITO
Nuova UNI 10200 La versione 2015 pubblicata l'11 giugno contiene solo una modifica che condona i ripartitori non programmabili L’ 11 giugno è stato pubblicato l' aggiornamento della norma UNI 10200:2015, fondamentale per la contabilizzazione dei consumi. Determinata dall’art. 9 del DLgs 102/2014, che ha richiesto di intervenire sul testo al fine di sospendere alcune parti della norma che possono creare problemi interpretativi. L'aggiornamento è stato necessario per coordinarla alla UNI EN 834 ed evitare ad esempio che l’'obbligo di programmazione dei ripartitori escludesse dal mercato i ripartitori di ...
SENSORI DI TEMPERATURA Vengono impiegate due termocoppie con elemento sensibile al platino (PT500-PT1000). TRASMISSIONE DATI La trasmissione dei dati calcolati dal contatore di calore diretto può avvenire via MBUS (cavo particolare di comunicazione) oppure tramite un sistema di acquisizione radio interfacciabile via modem. CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO Le condizioni nominali di funzionamento di un contatore di calore diretto sono definite dai limiti minimo e massimo entro cui possono variare le grandezze misurate ...
  Ripartitore di calore come funziona? Il ripartitore di calore è uno strumento fondamentale nel sistema di contabilizzazione del calore. Il ripartitore di calore conteggia, attraverso algoritmi matematici, la potenza resa del radiatore attraverso la differenza di temperatura fra ambiente e media del radiatore. Quanti tipi di ripartitori di calore esistono? Esistono due tipi di ripartitore di calore: 1 Sensore, per il calcolo del salto termico viene considerata una temperatura ambiente costante di 20°C il sensore di temperatura è posto sul retro del ripartitore di calore per calcolare la temperatura media del radiatore. Questo ripartitore di calore non viene quasi ...
Valvola termostatica come funziona ? La valvola termostatica o comando termostatico è un componente d’impianto che regola la temperatura ambiente agendo sulla portata d’acqua del radiatore. La valvola termostatica è composta da tre componenti principali: 1-      Sensore di temperatura o bulbo di dilatazione; 2-      Manopola di regolazione graduata; 3-      Pistone e otturatore. Impostando la temperatura desiderata attraverso la manopola graduata si registra la posizione dell’attuatore sul corpo valvola. Quando si verifica una temperatura superiore a quella impostata sulla ghiera il liquido presente nel sensore si dilata “caricando” la molla che manda in chiusura (parziale o totale) ...
Aumento Iva sul pellet Stangata del governo per famiglie e imprese Dal 1° gennaio 2015 è entrato in vigore  l'incremento dell'Iva sul pellet che passa dal 10% al 22%. Inutile l’appello in una nota congiunta del coordinamento Free (Fonti rinnovabili ed efficienza energetica) e Aiel (Associazione energia dal legno) per scongiurare quello che, a loro opinione, è un «tentativo di penalizzare il pellet in modo ingiustificato», da cui ne consegue «il danno alle famiglie, alle imprese del settore e a questa preziosa componente della termica rinnovabile» che «avrebbe effetti gravissimi»....
Contabilizzazione calore 1 – TERMOREGOLAZIONE CALORE Per eseguire la termoregolazione del calore è necessario installare su tutti i corpi radianti (come i termosifoni) una valvola termostatica che permette la regolazione della temperatura ambiente. La valvola termostatica strozza il flusso di calore qualora l’ambiente abbia raggiunto la temperatura programmata. Nel complesso del condominio questo meccanismo diminuisce la quantità di acqua in circolazione nell’ impianto, diminuendo l’attività della caldaia e di conseguenza si ottiene il risparmio energetico. Forse può interessarti l’articolo -> Come funziona una valvola termostatica? 2 – CONTABILIZZAZIONE CALORE...
Audit Energetico Oppure diagnosi energetica è una procedura sistematica volta a: Fornire un’adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio e/o impianto; Individuare e quantificare le possibilità di risparmio energetico sotto un attento profilo costo-benefici; Monitorare e riferire in merito ai consumi. La Diagnosi Energetica deve essere redatta da una persona fisica o giuridica che possiede competenze e esperienza commisurata al tipo di diagnosi intrapresa. Il tecnico deve considerare  l’interesse del committente agendo in maniera imparziale. Al fine di redigere accuratamente la DE il tecnico è tenuto ad un incontro preliminare con il committente atto ad individuare gli obbiettivi principali da raggiungere. Assieme ...
Il nuovo libretto di impianto termico in vigore dal 1 Giugno 2014 Come indicato nel D.M. 10 Febbraio 2014, questo decreto riguarda tutti gli impianti di climatizzazione invernale di potenza utile nominale maggiore di 10 kW e di climatizzazione estiva con potenza utile nominale maggiore di 12 kW. Nel nuovo libretto dovranno essere riportati tutti i componenti d' impianto termico tra cui i sistemi di Contabilizzazione e Termoregolazione del calore. TRATTAMENTO ACQUA (Durezza dell' acqua, anti-legionella, filtri, ecc..) GENERATORI (Caldaie, macchine frigorifere, pompe di calore, teleriscaldamento, cogenaratori, ecc..) CAMPI SOLARI TERMICI (pannelli solari termici) REGOLAZIONE (sonda climatica, valvole ...
Detrazione fiscale 65 Sono confermati per tutto il 2015 gli ecobonus del 65% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici e la detrazione del 50% per le ristrutturazioni, i mobili e gli elettrodomestici. Per un altro anno dunque, le aliquote resteranno invariate e non scenderanno, come invece previsto dalla normativa oggi vigente (articoli 14 e 16 del DL 63/2013 e Legge di Stabilità 2014). Come riportato all' Articolo 8 della nuova legge di stabilità 2015 la detrazione del 65%, la nuova scadenza è quindi il 31 dicembre ...
Produzione acqua calda sanitaria autonoma tramite boiler elettrico che durante il periodo invernale viene scaldato dal circuito di riscaldamento centralizzato. Scaldare il boiler elettrico tramite il circuito del riscaldamento sembra proprio essere un’ idea geniale. Come effettuare la contabilizzazione dell' acqua calda sanitaria effettivamente utilizzata dal condomino? La soluzione più ovvia sarebbe quella di posizionare un contatore di calore diretto che misuri l’energia termica in entrata al Boiler.                                                                     ...
Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore, nella maggior parte delle regioni, venga attuata: • contestualmente agli interventi effettuati sull’ impianto (mera sostituzione del generatore, ristrutturazione di impianto termico o nuova installazione di impianto termico in edifici esistenti); • in ogni caso, anche senza interventi sull’ impianto, entro il 31 dicembre 2016. ...
Entro il 31 dicembre 2016, condomini e singole unità immobiliari saranno obbligati a installare dispositivi specifici per la termoregolazione e la contabilizzazione del calore. A prevederlo è il testo del decreto di recepimento della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, approvata dal Consiglio dei ministri. Nel merito, il testo del decreto prevede a carico dei condomini la cui fornitura energetica proviene da una rete di teleriscaldamento l’obbligo dell’installazione di questi ...